Quando, fin da bambino sei abituato agli aromi e ai colori di un laboratorio di pasticceria, la tua strada è già stata segnata. E il mio destino profumava di cioccolata, burro e di pasta choux, quella utilizzata per fare i bignè. Derrik Freddi è figlio d'arte, proveniente da una famiglia di fornai e pasticceri. Dopo essersi diplomato nelle migliori scuole nazionali e internazionali, ha avuto occasione di collaborare con i più grandi maestri pasticceri. Suo zio, tanto per iniziare, il primo ad aver creduto in lui e a intuire il suo potenziale, poi Igino Massari e il maestro Mario Morri. Sono questi gli incontri che l'hanno aiutato a diventare quello che è oggi. Inoltre, ha lavorato nel laboratorio di Lenôtre, a Parigi, dove imparò a creare sublimi millefoglie e la celebre Saint-Honoré Gaston Lenôtre, e frequentò per dieci anni l'Accademia dei Mastri Pasticceri Italiani. Tutto questo finché, negli anni Ottanta ereditò da suo zio la Moderna, la pasticceria storica di Riccione, continuando la tradizione di famiglia. Nel 2004 realizzò un progetto all'interno della Comunità di San Patrignano, aprendo una scuola di pasticceria per insegnare ai ragazzi i segreti del mestiere. Ancora oggi le porte del suo laboratorio si spalancano per gli studenti degli istituti alberghieri e delle scuole di pasticceria, che vogliono imparare l'antica arte dei dolci. Se volete farci due chiacchiere, Derrik vi aspetta a La Moderna. Ogni giorno continua a sfornare sogni, che hanno forma di dolci e torte, insieme a sua figlia Deborah e alla moglie.

Mostrando 1 - 1 di 1 articolo

Mostrando 1 - 1 di 1 articolo